Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di
3 euro per un acquisto minimo di 6 schemi,
5 euro per un acquisto minimo di 10 schemi
10 euro per un acquisto minimo di 20 schemi

Inoltre
Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

Punti base: la maglia legaccio, la maglia rasata, il punto grana di riso, le coste.


I punti base, indicati sotto, sono quelli che formano i motivi più facili e versatili, ideali per una principiante. Per esercitarsi con questi punti, usando della lana ritorta e due ferri n° 4, avviare da 20 a 24 maglie. (Nota: ciascun punto ha un multiplo, che è il minimo numero di maglie necessarie per completare una unità del motivo. Se il multiplo è quattro, per esempio, il numero di maglie da avviare deve essere divisibile per 4). Lavorare il primo ferro del punto, poi voltare il ferro e lavorare il ferro seguente. Sviluppare una tensione moderata e costante, e completare sempre un ferro prima di posare il lavoro. Ciascun punto base è formato da semplici maglie diritte o rovesce.


Maglia legaccio

La maglia legaccio è prodotta normalmente lavorando ogni maglia a diritto, in ogni ferro, benchè lavorando ogni maglia a rovescio si ottenga lo stesso risultato. E la più semplice di tutte le maglie; ha una superficie granulosa identica su ciascun lato e una struttura alquanto molle che si allenta in pari modo in entrambe le direzioni. Si usa per maglioni, coperte e accessori.
Il multiplo è di qualsiasi numero di maglie.
Come si lavora: ogni ferro a dir.

Maglia rasata

Maglia rasata diritta
Maglia rasata rovescia










La maglia rasata si ottiene lavorando un ferro a diritto e un ferro a rovescio. E' il più versatile dei punti base, è liscio su un lato (quello diritto) e granuloso sull'altro (quello rovescio). La parte diritta è generalmente considerata il diritto del lavoro, ma si può usare a questo scopo anche la parte rovescia; la si chiama allora maglia rasata rovescia (vedi foto a destra). Il tessuto si allenta più nella direzione trasversale che in quella verticale. Si usa per maglioni e abiti, anche per accessori di maglia come berretti guanti, calze.
Il multiplo è di qualsiasi numero di maglie
Come si lavora.
1° ferro: a dir
2° ferro: a rov.

Punto a grana di riso


Il punto grana di riso si ottiene alternando una maglia diritta a una maglia rovescia nel corso di un ferro e scambiando la lavorazione nel ferro di ritorno (lavorare a diritto le maglie che si presentano a rovescio e viceversa). La trama di questo punto è simile a quella della maglia legaccio, ma più solida. Si usa per coperte e indumenti, anche come contrasto in un punto fantasia.
Multiplo di 2 maglie più 1
Come si lavora
Ogni ferro: * 1 dir., 1 rov.*, 1 dir.

Le coste

Le coste 1/1
Le coste 2/2










Le coste si ottengono alternando maglie diritte e rovesce nel corso di un ferro e lavorando a diritto le maglie che si presentano a diritto, a rovescio le maglie che si presentano a rovescio nei ferri seguenti. Il risultato è un motivo a rilievi verticali identico su entrambi i lati, se le maglie diritte e quelle rovesce sono dello stesso numero. Il rapporto delle maglie diritte con quelle rovesce può essere pari o dispari, ed è spesso indicato da numeri. Gli esempi sono le coste 1/1 e 2/2. Queste sono le classiche coste cui ci si riferisce normalmente. Sono considerevolmente elastiche in direzione traversale e sono particolarmente adatte a bordi di indumenti, dove aderiscono bene. Per questo scopo le coste si lavorano di solito con i ferri di uno o due numeri più piccoli di quelli usati nell'indumento.
Multipli: per le coste 1/1 multiplo di 2 maglie
Come si lavora.
Ogni ferro: *1 dir e 1 rov.*
Multipli: per le coste 2/2 multiplo di 4 maglie
Come si lavora
Ogni ferro: *2 dir e 2 rov.*



Articoli correlati: