Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di
3 euro per un acquisto minimo di 6 schemi,
5 euro per un acquisto minimo di 10 schemi
10 euro per un acquisto minimo di 20 schemi

Inoltre
Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

La seconda coppia: Crono e Rea

Il racconto di Esìodo continua narrando che Crono scelse come sposa la titanessa Rea e iniziò con lei un nuovo regno. Frattanto l'universo si era popolato di altre numerose divinità. Alcune erano nate dal sangue sgorgato dalle ferite di Urano: così le Erinni o Furie, scarmigliate e furiose dee della vendetta, i Giganti, torpidi e malvagi, espressione della forza bruta e infine Afrodite, dea dell'amore, balzata su, bellissima, tra un flotto di spume, da una goccia di sangue caduta in mare. Altri dèi erano stati generati dalle divinità primitive. Così dalla Notte erano nati, tra gli altri, Tànatos, la morte, e Ipnos, il sonno; le ninfe Esperidi, vaghe custodi degli aranceti divini sorti ai confini della terra; le Mòire, ossia le tre Parche, Cloto, Làchesi e Atropo, che dirigono il destino degli uomini filandone il sottile stame che da ultimo, Atropo recide; Nèmesi, la giustizia vendicatrice; Eris, la discordia.
Ponto aveva dato vita a varie divinità marine tra le quali la più nota fu Nèreo, padre di cinquanta divinità minori, le Nèreidi, che simboleggiavano varie virtù umane. Da altri figli di Ponto erano nate Iride, l'arcobaleno, destinata a divenire, per la sua agilità, la messaggera degli dèi; le Arpie dalle lunghe chiome, simbolo della vecchiaia; le orribili Gòrgoni.

E numerosissima era stata la discendenza dei titani: si pensi che solo dalle nozze del titano Oceano con la titanessa Teti erano nate tremila divinità dei fiumi e tremila ninfe Oceanine: Figli di Iperione e Tea furono invece Elios, il sole, Selene , la luna, Eos, l'aurora. e nominiamo solo alcuni fra i più noti di questi nuovi dèi.

Così la nuova coppia regnante, Crono e Rea, aveva sotto di sé un vasto stuolo di sudditi quando iniziò il suo governo. Gli uomini non erano ancora nati. Ma Crono, che aveva raggiunto il potere spdestando il padre, viveva nel terrore di essere spodestato a sua volta da qualcuno dei suo figli. E prese allora una decisione singolare: non avrebbe permesso alla sua discendenza di divenire adulta, avrebbe divorato le sue creature via via che nascevano. Naturalmente si trattava di bambini divini e quindi immortali; anche se divorati dal padre non potevano morire. Ma sarebbero rimasti prigionieri dentro di lui.

Questo avvenne regolarmente per i primi cinque figli di Crono e Rea. Erano : Estia, Dèmetra, Era, Ade, e Posidone, che troveremo fra poco tra i maggiori dèi della Grecia. Ma Rea non si rassegnò a vedere tutta la sua prole trangugiata dal pauroso marito, e, quando le nacque il sesto figlio, Zeus, volle salvarlo. Inviò di nascosto il bambinio nell'isola di Creta, dove, come vedremo, fu allevato ed educato, e, avvolto un grosso sasso tra bianchi lini, lo diede a Crono facendogli credere che era quello il suo ultimo nato. E Crono, al solito, lo divorò.


*Prosegui la lettura del racconto: Le lotte dei Titani e dei Giganti

Articoli correlati: 


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...