Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di
3 euro per un acquisto minimo di 6 schemi,
5 euro per un acquisto minimo di 10 schemi
10 euro per un acquisto minimo di 20 schemi

Inoltre
Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

La nascita degli dèi e i miti di Zeus

La mitologia greca, ossia l'insieme delle storie fantastiche che i Greci raccontavano intorno ai loro dèi, è una delle più ricche e delle più umane. Gli antichi Greci non consideravano le loro divinità come degli esseri perfetti e assolutamente superiori agli uomini, ma piuttosto come tipi ideali di umanità, dotati in modo superiore non solo delle virtù degli uomini, ma anche dei loro difetti.

Le immaginavano in forma umana, davano ad ognuna di loro un particolare carattere e cercavano di avere con loro dei rapporti di amicizia più che non le adorassero come il fedele dovrebbe adorare il suo dio.D'altra parte gli dèi della Grecia non erano onnipotenti. Anche loro, al pari degli uomini, dovevano sottostare a un potere misterioso e assoluto, il Fato, una sorta di legge universale che tutto dirigeva, ma di cui non si potevano scorgere nè le ragioni nè i fini. Il Fato era qualche cosa di così superiore all'uomo e di così inimmaginabile che il popolo greco non aveva potuto stabilire con esso alcun rapporto, né di amicizia né di adorazione: lo accettava e si rassegnava a tutto ciò che quella oscura potenza aveva stabilito, senza amarla e senza odiarla.
Naturalmente gli dèi della Grecia non furono sempre gli stessi: con il passare dei secoli antiche divinità scomparvero e altre presero il loro posto. Sul suolo greco si succedettero vari popoli: dagli antichissimi Pelasgi, ossia le primitive popolazioni mediterranee, agli Achei e ai Dori, senza contare numerosi gruppi minori. E ognuno di questi popoli aveva le proprie divinità che, col tempo, si confusero tra loro. Dovettero dunque passare molti anni prima che le varie figure divine assumessero un carattere definitivo. Circa 700 anni prima di Cristo, uno dei più antichi poeti greci, Esìodo, raccolse in un poemetto intitolato Teogonia, ossia nascita degli dèi, l'insieme delle credenze popolari sulle divinità più antiche e sul loro susseguirsi fino alle più recenti e attuali.



Articoli correlati: 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...