Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di 1 euro a schema per un acquisto minimo di 5 schemi, naturalmente ogni schema in più ti costerà solo 1 euro.

Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro, in pratica 0,50 centesimi ciascuno.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

Isola di Creta

Creta

Creta, vastissima, presenta paesaggi di grande varietà: gole rupestri fra le più strette e impressionanti d'Europa, verdi piane, come quella di Lassithi, irrigate con l'aiuto di innumerevoli mulini a vento, palmizi d'aspetto tropicale, rocce a picco sul mare, coste sinuose e montagne alte più di 2000 m. 

Ma forse le sue massime attrattive sono di carattere archeologico: in molti luoghi dell'isola sono venute alla luce testimonianze della civiltà greca o della più antica civiltà minoica; ma i due punti culminanti della visita sono il Palazzo di Cnosso, visione irreale di tempi remoti, nonostante gli eccessivi restauri, e il Museo di Creta, senz'ombra di dubbio uno fra i tre o quattro più interessanti musei archologici del mondo.


Le rovine di Cnosso, ricostruite parzialmente da Sir Arthur Evans, appartengono per la maggior parte al periodo dei Secondi Palazzi, tra il 1700 e il 1450 a.C. Erano questi i secoli d’oro della civiltà minoica, governata allora dal re leggendario Minosse, il quale si fece costruire un palazzo sontuoso che non aveva eguali nel Mediterraneo.

L’aspetto dell’insieme è straordinariamente armonioso e ricco di prospettive architettoniche ideato per stupire: intorno alla grande corte centrale lastricata sono raggruppati gli edifici principali dai quali si raggiungono, attraverso un dedalo di corridoi, gallerie e scale, altre quattro corti e tanti piccoli cortili che, insieme a numerosi lucernari, davano luce alle 800 stanze del palazzo.

Al lusso degli ambienti interni si aggiunge un complesso sistema di opere idrauliche: vi sono condotte nelle quali scorreva l’acqua a cascata, bagni, servizi igienici e bacini per la purificazione. Magazzini, cucine e laboratori rendevano la vita a corte del tutto indipendente dall’esterno. Ma l’impronta del palazzo non è soltanto funzionale, l’elemento del sacro è presente dappertutto a Cnosso, sia negli ambienti privati che in quelli pubblici, a tutela della felicità di Minosse e dei suoi sudditi.




Articoli correlati:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...