Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di 1 euro a schema per un acquisto minimo di 5 schemi, naturalmente ogni schema in più ti costerà solo 1 euro.

Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro, in pratica 0,50 centesimi ciascuno.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

Akebia, un rampicante ornamentale


Nome scientifico: Akebia, della famiglia delle Lardizabalaceae, origine : Estremo Oriente. 
Al genere Akebia appartengono solo 2 specie di piante arbustive, rampicanti, delicate, sempreverdi o semisempreverdi. I fiori riuniti in racemi, sono rosa-purpurei, di forma piuttosto curiosa; sono unisessuati ma portati sulla stessa pianta: quelli maschili alla base del racemo e quelli femminili, di minori dimensioni, alla sommità. I frutti sono bacche ovoidali di colore portpora scuro; sono commestibili e contengono numerosissimi semi.


Coltivazione. Le Akebia vengono coltivate, solitamente in piena terra, come rampicanti su muri o altre recinzioni, pergole e gazebi, ma nelle zone a inverno freddo devono essere piantate in vasi anche su balconi e terrazzi, per essere ritirate durante l'inverno. Si mettono a dimora in primavera (in terreni tendenzialmente umidi) o in autunno. Preferisocno terreni sciolti, ben drenati, discretamente fertili, concimati con 50 kg/mq di sostanza organica. Il terriccio per il vaso deve essere composto da 2/3 di terriccio fertile e 1/3 di torba e sabbia, concimato con 30 g di concime ternario per decalitro di terra; in primavera-estate aggiungere all'acqua d'irrigazione ogni 20-30 giorni, 10-20 g di concime ternario per decalitro. La potatura è necessaria solo per elimanre i rami secchi. E' utile invece, nel caso di piante impiegate per ricoprire i muri, piegare orizzontalmente i rami più bassi nel primo periodo di coltivazione per infoltire la vegetazione nella parte inferiore.

Esposizione. Le Akebia richiedono posizioni soleggiate e ben riparate dai venti.
Temperatura. Sono resistenti alle alte temperature ma non sopportano quelle inferiori a 5°C.
Annaffiatura. E' necessaria solo per le piante giovani e nei periodi di siccità prolungata.
Rinvasatura. La si effettua ogni 2 anni, in primavera, utilizzando un vaso appena più grande del precedente oppure sostituendo una parte del vecchio terriccio.

Moltiplicazione. 
Il metodo più utilizzato è la talea: si possono  prelevare sia talee semilegnose (ramo dell'anno più una porzione del ramo portante) a fine primavera, sia talee legnose in estate, mettendole a radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, da tenere costantemente umido. Dopo la radicazione, le piantine devono essere invasate singolarmente e tenute in un luogo riparato fino all'anno successivo quando, in primavera o in autunno, potranno essere messe definitivamente a dimora in giardino o in contenitori di maggiori dimensioni. Un altro metodo di propagazione è la propaggine che si effettua in autunno interrando i rami dopo averli incisi nella parte inferiore e staccandoli dalla pianta madre, dopo la radicazione, l'anno successivo. Meno utilizzata è la divisione dei cespi, da effettuarsi a fine inverno. Sia le propaggini sia le parti di cespo di mettono direttamente a dimora.

Malattie e parassiti.
I problemi ricorrenti per le piante in vaso sono i marciumi radicali dovuti all'eccesso di acqua o a uno scarso drenaggio del terriccio impiegato. Si prevengono utlilizzando un terriccio più leggero e facendo attenzione alle annaffiature. Altri danni frequenti sono quelli da eccesso di freddo, che provoca la morte della parte più tenera e nei casi più gravi di tutta la pianta; si possono prevenire solo per le piante coltivate in vaso ritirandole per tempo in luogo riparato. Occasionalmente vi possono essere attacchi di pidocchi e di cocciniglie, che si curano con gli appositi insetticidi.

Consigli per l'acquisto. 
Soprattutto l'Akebia quinata si può trovare  con discreta facilità presso i migliori garden centre e vivaisti specializzati. Considerata la rapida crescita, scegliere le piante piccole, controllandone lo stato di salute.


Articoli correlati
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...