Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di
3 euro per un acquisto minimo di 6 schemi,
5 euro per un acquisto minimo di 10 schemi
10 euro per un acquisto minimo di 20 schemi

Inoltre
Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

Come si prepara lo yogurt fatto in casa.


Il successo che questo fresco e gustoso alimento ha conquistato negli ultimi anni è chiaro  segno delle sue virtù, che lo hanno giustamente fatto salire di rango di alimento-medicamento ideale. Chiamato così dai contadini bulgari, che dai tempi più remoti ne fanno larghissimo uso, lo yogurt è latte acido, ottenuto per azione del cosiddetto "fermento bulgaro". L'aggiunta di questi fermenti (noti come fermenti lattici) conferisce al latte, già di per sé nutriente, alcune importanti proprietà, che ne fanno un preziosissimo amico del nostro organismo.

Lo yogurt ha un buon valore calorico (65 calorie ogni 100 grammi) e un notevole contenuto proteico. Contiene inoltre numerose vitamine del complesso B preziosissime per l'organismo. Questo alimento è molto più digeribile del latte. I fermenti lattici, infatti, coagulano la caseina (una proteina del latte) in finissimi fiocchi, rendendola più leggera. Quindi lo yogurt è l'alimento ideale in tutti i casi di intolleranza per il latte.

La particolare acidità aromatica, che conferisce allo yogurt un sapore inconfondibile, stimola, (a differenza del latte) la secrezione gastrica e quindi l'appetito. Giunti nell'intestino, i fermenti lattici svolgono una preziosa azione disintossicante, combattendo l'eccessiva fermentazione intestinale.

Non avendo in pratica controindicazioni, dato che è generalmente ben tollerato, lo yogurt fa bene a tutti, determinando un miglioramento del tono generale e disintossicando l'organismo. Per quest'ultima ragione, esso è particolarmente utile in tutte le forme di irritazione della pelle, derivanti da alterate funzioni interne (foruncoli, acne, eczemi, ecc.).  Dato poi il bassissimo contenuto di zuccheri, lo yogurt può essere tranquillamente usato dai diabetici al posto del latte.

Per lo yogurt possono però esistere delle intolleranze individuali, come ne esistono per il cioccolato, le fragole, le uova, ecc. In questi rarissimi casi, se proprio si vuole, ci si può abituare a esso cominciando con dosi piccolissime via via crescenti.

Lo yogurt si mangia generalmente zuccherato o mescolato con marmellata di frutta, accompagnato da pane e biscotti. Alcuni yogurt vengono messi in commercio con diversi sapori. Vi sono grandi industrie specializzate in questo campo, che producono ottimi yogurt, sia di latte intero che scremato (per i soggetti particolarmente delicati)

Ma vediamo come si prepara uno yogurt tutto casalingo.


Armatevi innanzitutto di un pò di pazienza, di buona volontà, e, naturalmente disporre dei fermenti lattici  (che sono facilmente acquistabili).

Ed ecco come si procede (tutti i recipienti usati devono essere sterilizzati mediante bollitura);
  • far bollire il latte per 5-10 minuti
  • lasciarlo raffreddare sino a 40°C e aggiungere i fermenti  (ne occorreranno circa 30 grammi per 1 litro di latte), mescolando accuratamente.
  • Mettere il tutto in vasetti (sterilizzati) a bagnomaria fino all'orlo. La temperatura dell'acqua dev'essere di 35-37°C. D'estate basterà la temperatura ambiente
Dopo 6-7 ore, se i fermenti sono attivi e si sono osservate tutte le regole, lo yogurt è pronto e deve essere messo in frigorifero per impedire una eccessiva acidificazione. Questo yogurt può servire a sua volta per delle nuove preparazioni, ma è bene rinnovare i fermenti lattici ogni 15 giorni oppure adoperare yogurt fresco. Lo yogurt così fatto, tenuto al fresco, si conserva per tre o quattro giorni.


Articoli correlati:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...