Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di 1 euro a schema per un acquisto minimo di 5 schemi, naturalmente ogni schema in più ti costerà solo 1 euro.

Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro, in pratica 0,50 centesimi ciascuno.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

Come organizzare un viaggio in Valle d'Aosta: prima tappa

Dalle torri degli Challant alla piramide del Cervino.


Valle d'Aosta è sinonimo di castelli: i più belli appartennero alla famiglia Challant, prima visconti di Aosta, poi dal XII secolo feudatari dei Savoia. Strutture "monoblocco" di stretto carattere militare a Verrès e Ussel si alternano ai fastosi manieri di Issogne e Fenis, celebrativi del respiro ormai ueropeo della casata e della sua vicinanza all'elegante gusto tardogotico.

Da Pont-Saint-Martin, porta di accesso alla Vallée, come viene chiamata dai residenti di lingua francese, si segue la S.S. 26, che ripercorre in parte il tracciato della strada consolare delle Gallie, antichissimo asso viario romano. Resti di quello che fu un capolavoro d'ingegneria sono sopravvissuti al logorio del tempo: ecco i 32 metri di luce del ponte sul Lys, proprio a Pont-Saint-Martin, e un tratto di carreggiata strappata alla nuda roccia vicino a Donnas, a 3 Km. Il Forte di Bard , spoglio e squadrato, si erge imponente 2 Km più avanti, primo contatto visivo con i castelli della regione: in sostanza, si tratta del rifacimento sabaudo di un edificio del XII sec., fatto smantellare da Napoleone nel 1800. Più interessante è il piccolo borgo, serrato tra la fortezza e la parete rocciosa, all'ombra di una stretta gola scavata dal ghiacciaio che 10.000 anni fa era signore incontrastato della valle.

Nove chilometri dopo si incontra Verrès, graziosa cittadina dominata dal castello, un blocco quadrato di 30 metri per lato, senza torri, di una certa eleganza grazie alla ricercata merlatura. Venne fatto costruire nel 1390 da Ibleto di Challant, e Renato di Challant lo potenziò contro le nuove , dirompenti armi da fuoco nel 1536. Dell'interno, senza affreschi e arredi, colpiscono la vastità degli ambienti, disposti su tre piani, i camini monumentali e le volte " a ombrello" di alcune sale.

Per gustare davvero le raffinatezze della vita di corte bisogna però attraversare la Dora e raggiungere il Castello di Issogne. L'edificio ricorda più un palazzo signorile che un maniero: cosi volle Giorgio di Challant, che lo arricchi di affreschi e stucchi. Tre botteghe artistiche lavorarono qui tra il 1499 e il 1509 e affrescarono le lunette del portico nel cortile( vivaci rappresentazioni di negozi e botteghe), la cappella, gli oratori delle stanze di Giorgio di Challant e Margherita de La Chambre e la sala di giustizia( vedute di paesaggi con racconti di viaggi e scene di caccia con gli Challant). Pareti interne ed esterne sono coperte di curiosi graffiti: i visitatori vi incidevano massime di saggezza cortese. Nel cortile campeggia l'originale fontana a forma di melograno, in ferro battuto.

Tornati sulla statale, poco dopo Montjovet la Dora svolta bruscamente a sinistra e la valle si apre nella conca che accoglie le vivaci Saint-Vincent ( a 11 Km ) e Chatillon ( a 3 Km ), dominata dal Castello di Ussel. Il maniero trecentesco voluto da Ebalo di Challant è il primo esempio di castello "monoblocco" valdostano: prima la struttura architettonica consueta consisteva in un mastio centrale difeso da mura. Molto più noto è il Castello di Fenis, placidamente disteso su un pianoro: a renderlo inattaccabile provvedevano la doppia cinta muraria e un gran numero di torri. Gli affreschi della cappella( Madonna di Misericordia, Annunciazione e Santi ) e del cortile furono eseguiti nel 1420 da una bottega legata allo stile del torinese Giacomo Jaquerio. La visita si chiude proprio tra i raffinati dipinti del cortile: su tre lati il doppio loggiato è adorno di figure di santi, mentre in cima alla scala si impone il S.Giorgio che libera la principessa; il quarto lato è invece opera di Giacomino da Ivrea(1440). Tutta la decorazione pittorica fu eseguita sotto Bonifacio di Challant, figlio di Aimone, costruttore del castello.

Una puntata a Nus(1 km ) permette di visitare solo dall'esterno l'ultimo castello prima di tornare a Chatillon ( 14 km ) e imboccare la S.S. 406 della Valtournenche alla volta del mitico Cervino. Ad Antey-Saint-André ( a 7 km) si comincia a intravvedere la maestosa montagna che ha in Valtournenche, capoluogo della valle ( a 11 km ) la patria delle sue più famose guide. A 9 km ecco Breuil-Cervinia, paradiso di tutti gli sciatori: il "gigante" li guarda, sempre splendido, dall'alto dei suoi 4478 metri.



 Articoli correlati:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...