Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di
3 euro per un acquisto minimo di 6 schemi,
5 euro per un acquisto minimo di 10 schemi
10 euro per un acquisto minimo di 20 schemi

Inoltre
Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

Come si preparano le tinture


Nella pratica domestica le tinture si preparano per macerazione. Si pone l'erba sminuzzata in una bottiglia o fiasco di vetro e la si lascia a contatto con il solvente prescritto (soluzione idroalcolica, per esempio vino) per 5-10 giorni. Il recipiente deve essere a chiusura ermetica e va tenuto in luogo tiepido , al riparo dalla luce solare diretta, agitandolo di tanto in tanto. Trascorso il tempo previsto si filtra attraverso una tela fitta, si spreme la droga e si aggiunge ancora, facendola passare sulla droga, la quantità di solvente necessaria ad ottenere il volume finale prescritto.

Le tinture si possono suddividere genericamente in :  
  • tinture propriamente dette o tinture idroalcoliche e  
  • tinture vinose o vini medicinali
 Le tinture propriamente dette o tinture idroalcooliche

Per la loro preparazione si utilizza alcool di diversa gradazione (generalmente fra 50° e 70°) che si ottiene mescolando acqua ed "alcoolbuongusto", lo stesso cioè che viene impiegato per la preparazione dei liquori. Non si deve assolutamente usare alcool denaturato per la disinfezione o altri liquori diversi dall'alcool etilico puro.

Per diluire l'alcool etilico di 95° (spirito per liquori) con acqua onde ottenere 1 litro di alcool di gradazione inferiore, basta versare il liquore in un recipiente della capacità di 1 litro ed aggiungere tanta acqua fino ad ottenere l'esatto volume di 1 litro, quindi si agita bene.

Per ottenere, per esempio, un grado alcoolico di 20° si mescoleranno 210 ml di alcool etilico 95°, con il restante di acqua, fino a raggiungere 1 litro di liquido.

Alcuni suggerimenti :
  • per un grado alcoolico di 30° sono necessari 310 ml di alcool etilico 95°
  • per un grado alcoolico di 40° sono necessari 410 ml di alcool etilico 95°
  • per un grado alcoolico di 50° sono necessari 510 ml di alcool etilico 95°
  • per un grado alcoolico di 60° sono necessari 615 ml di alcool etilico 95°
  • per un grado alcoolico di 70° sono necessari 720 ml di alcool etilico 95°
  • per un grado alcoolico di 80° sono necessari 830 ml di alcool etilico 95°
Nella preparazione delle tinture idoalcooliche si adotta generalmente una regola che prescrive di impiegare una parte di erbe per ottenere cinque parti di tintura finale. Per esempio: si usano 20 grammi di erba per ottenere 100 ml di tintura.
Le tinture sono preparazioni delicate e costose, per la quantità di alcool che contengono, si consiglia dunque di preparare quantità relativamente piccole, per esempio non più di 250 millilitri (1/4 di litro) che si conservano in bottigliette ben chiuse in luogo fresco ed oscuro e soprattutto lontano dalle mani dei bambini.

E' opportuno anche porre un'etichetta, con il nome della tintura, le indicazioni per l'uso e la data di preparazione, sulle bottigliette.

Le Tinture vinose o vini medicinali

Per la preparazione di tinture vinose o di vini medicati vengono utilizzati, come solvente, vini bianchi o rossi di buona gradazione alcoolica, comprendendo fra questi vini anche i tipi marsala o porto.

I rapporti tra erbe e vino sono variabili da caso a caso, ma sono sempre più bassi di quelli delle tinture idroalcooliche; un rapporto medio indicativo può essere quello di 1 a 20, cioè si impiegano 5 grammi di erbe per ottenere 100 millilitri di vino medicato. Le tinture vinose sono generalmente gradevoli ed aromatiche. Si consumano a cucchiai o a bicchierini da liquore, prima o dopo i pasti principali, tenendo presenti le loro caratteristiche medicamentose e quindi limitando il loro consumo alle dosi previste.


Articoli correlati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...